Analisi dell’impronta di carbonio

PROGETTO PER L’ANALISI DELL’IMPRONTA DI CARBONIO
NEL CICLO DI VITA DEL PRODOTTO DA FORNO FARCITO “PIZZA” IN FORMATO MINI

Progetto co-finanziato dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Progetto realizzato da SST e Green Innovation S.r.l., Presidente Ing. Federica Lunghi

Obiettivi del progetto
L’obiettivo del progetto è la quantificazione dell’impronta di carbonio, in inglese carbon footprint di prodotto (CFP), di prodotti di largo consumo quali pizze e prodotti da forno dell’azienda Sorrento Sapori e Tradizioni S.r.l. Il progetto ha poi riguardato l’analisi degli interventi di miglioramento volti a ridurre l’entità della Carbon Footprint del Prodotto lungo tutto il suo ciclo di vita e l’analisi delle possibili azioni per arrivare alla neutralizzazione delle emissioni di CO2.

Descrizione delle fasi in cui si è sviluppato il progetto di Carbon Footprint della Pizza Sorrento 4 formaggi

Fase 1 – Analisi dell’impronta di carbonio della pizza Sorrento 4 formaggi nelle diverse fasi del ciclo di vita
L’impronta di carbonio è stata quantificata tramite uno studio di Life Cycle Assessment (LCA) in cui la categoria d’impatto analizzata sono state le emissioni di gas ad effetto serra (GHG) legate all’intero ciclo di vita del prodotto, in relazione all’unità funzionale scelta. Lo studio di LCA, in accordo alle norme ISO 14040 e 14044 è stato suddiviso in quattro step.
Definizione dell’obiettivo e del campo di applicazione
Analisi dell’inventario
Valutazione dell’impatto
Interpretazione
L’impronta di carbonio o Carbon Footprint calcolata rappresenta un importante fattore distintivo per l’azienda SST ed i propri prodotti.

Fase 2 – Individuazione delle possibili misure da attuare per la riduzione delle emissioni nel ciclo di vita dei prodotti di largo consumo selezionati
Uno degli obiettivi principali dell’analisi dell’impronta di carbonio del prodotto è quello di consentire e facilitare l’individuazione delle misure per la riduzione delle emissioni di gas serra. La CFP rappresenta infatti sia uno strumento diagnostico sia uno strumento di monitoraggio degli interventi successivi.
Il lavoro svolto ha permesso di individuare e programmare le azioni che consentiranno la riduzione delle emissioni di CO2 lungo tutto il ciclo di vita del prodotto portando anche alla riduzione dei costi.

Fase 3 – Individuazione delle possibili misure per la neutralizzazione dell’impronta di carbonio
In questa fase sono state valutate le misure di compensazione delle emissioni di gas serra ed è stato scelto di supportare il progetto internazionale di riforestazione Kikonda Forest Reserve.

Fase 4 – Strategie e iniziative di comunicazione al pubblico dei risultati dell’analisi dell’impronta di carbonio
Il progetto realizzato da Sorrento Sapori e Tradizioni e co-finanziato dal Ministero dell’Ambiente è stato presentato in occasione del convegno tenutosi a Perugia il 20 ottobre 2012 con il Ministro Corrado Clini.
In occasione del convegno svoltosi a Roma il 7 febbraio 2013 “l’Italia che sceglie l’ambiente” col Ministro dell’Ambiente Corrado Clini è stato presentato il programma nazionale sulla carbon footprint e l’elenco delle aziende che ne fanno parte inclusa SST.
L’analisi dell’impronta di carbono della pizza Sorrento 4 formaggi è stata presentata nello stand del Ministero dell’Ambiente allestito alla fiera EOS (Exposition of Sustainability) ad Udine dal 17 al 19 maggio 2013.

ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del maregreen innovationco2unt label